Metal Maniacs ita webzine


Bello. Questo cd dei brutal/grinders siciliani Balatonizer l’ho ascoltato proprio volentieri: trattasi di un equilibrato compromesso tra professionalità ed una fortissima carica ironica che, in un mondo così serioso come quello del Metal estremo, davvero non può che far piacere. Nei 32 brani (condensati nel tempo record di 25 minuti) di “Occlused In Ottusity” infatti, il trio siculo mette in mostra delle qualità tecniche e compositive davvero niente male: canzoni ben costruite, ben suonate e valorizzate da una produzione sì sporca, ma potentissima ed adeguata al genere proposto, infatti, sono una piacevole prerogativa di questo disco. Fortunatamente, come sopra accennato, i Balatonizer non prendono troppo sul serio né se stessi né l’esagerazione sonora e concettuale del Brutal Grind, e così i discreti contenuti musicali del loro esordio vengono conditi da delle chicche davvero da oscar, prima fra tutte la spassosa storiella a fumetti che campeggia all’ interno del booklet. Di certo però i nostri non si fermano qui: fantastiche campionature di film italiani degli anni ‘70 (stupendo il Mario Brega di “Bianco Rosso e Verdone”!) prendono il posto degli splatter movie di serie Z dei Mortician, i titoli delle tracce si rivelano piccoli capolavori (riporto a titolo esemplificativo perle come “Anal By Anal”, “Sucaman” e “Anfame”) e, meraviglia delle meraviglie, i testi sono completamente inesistenti. Solo grugniti che hanno una una metrica, ma che non dicono assolutamente niente. Bello no? Naturalmente finezze tecniche, varietà nelle strutture ed originalità non fanno parte del mondo dei Balatonizer ma, esilaranti trovate a parte, il disco è veramente godibile nelle sue esagerazioni e nei suoi suoni fatti di chitarre ultrasature, velocissime parti di drum machine (finalmente programmata con criterio) e grugniti disumani. Non sarà certo un platter rivoluzionario, ma i Balatonizer con “Occlused In Ottusity” hanno creato un lavoro godibile, ben fatto e, soprattutto, divertente, a differenza di quelle bands che ci propinano per l’ ennesima volta le abusatissime tematiche gore. Fossi in voi un pensierino ce lo farei...

Voto: 7
Matteo Buti

www.metalmaniacs.it


®back